racconti visionari #6

Ogni giorno

Si siedono allo stesso tavolo, ogni giorno, quando il sole inizia a scendere e le ombre si allungano.

All’inizio sembravano clienti qualsiasi, una coppia come un’altra, lei forse un po’ eccentrica con quei vestiti fuori moda. Ma poi la gente ha iniziato a notarli. A fermarsi e guardarli, si chiedono se sono attori, qualcuno lo dice, o solo esibizionisti, o pazzi – qualcuno dice anche questo.

Tutti i giorni, arrivano e si siedono. Prima però spostano le sedie, per non guardarsi tra di loro ma guardare la strada. Nessuno si siede a quel tavolo, non a quell’ora, come se tutti rispettassero quella specie di rito sbilenco.

Arrivano, si siedono con gli occhi verso la strada e il cameriere porta un caffè ristretto per lei, un bicchiere di vino rosso per lui. Nessuno ricorda di averli mai visti bere, né il caffè né il vino: tazza e bicchiere restano lì, pieni, e quando se ne vanno il cameriere li porta via, e tutti pensano che sembra una maschera a fine spettacolo.

Arrivano, si siedono, aspettano fermi il vino e il caffè, e poi iniziano quella specie di danza muta e senza musica.

Lei muove la testa verso destra e guarda lontano, come se ci fosse un orizzonte, qualcuno da aspettare. Poi allunga un braccio, chiude la mano, lo riabbassa. Lui si alza, si risiede, segue lo sguardo di lei, ma solo per un attimo, poi torna a guardare davanti. Lei si sposta i capelli, lui le tocca il gomito ma lei sembra non accorgersene, gli occhi sempre verso un orizzonte che non esiste. Prende la borsa, la apre, la chiude, senza spostare lo sguardo. Lui invece guarda tutto, cerca qualcosa, nessuno sa cosa. Lei canta piano una musica che tutti pensano non sia di questo mondo. Lui ritorna a guardarla, tutti vorrebbero che le parlasse ma non lo fa, non lo fa mai, apre la bocca e subito la richiude. Lei canta piano, nessuno dice niente per non coprire la sua voce, non che sia bellissima ma bisogna ascoltarla, questo sì. Lui la guarda ma sembra lontanissimo, molti vorrebbero fargli coraggio ma poi non lo fa nessuno. Quando lei smette di cantare abbassa un momento lo sguardo, come se le fosse caduto qualcosa. Allora lui si alza, mette sul tavolo i soldi di quel vino e quel caffè mai bevuti, e le prende la mano – finalmente, pensano tutti. Si alza anche lei e se ne vanno, a volte controluce, a volte sotto la pioggia.

Magari la prossima volta le parlerà, dice qualcuno. Magari, sì.

raccontivisionari6


Le altre foto di Federica sono qui:

Federica Lissoni so#photo

Facebook

Instagram

Flickr

E invece la sua nuova collaborazione si chiama Soffiablablog… dateci un’occhiata!

Annunci

3 thoughts on “racconti visionari #6

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...