Elenco sommario e caotico del mio 2015

Ho preso il treno quasi tutti i giorni, non ho traslocato, sono stata due volte a Firenze e una a Genova, ho visto da vicino le statue di Mitoraj, non sono stata zitta, mi sono tatuata poi è passato del tempo e adesso mi sta venendo voglia di colorarmi ancora, ho abbracciato molto, ho avuto paura di diverse cose molte delle quali non erano nemmeno grandi anche se a me in quel momento sembravano giganti, ho scritto un po’ di storie minuscole, ho ricominciato a pensare alla storia di quel marinaio che non c’è ma sono lenta a scriverla e a dire la verità anche un po’ a immaginarla, ho ascoltato musica che non avevo mai ascoltato, ho fatto il bagno in mare dopo anni di mancanza, ho condiviso piatti forchette bicchieri e colli di bottiglia creando intimità culinarie bellissime, ho letto libri meravigliosi e libri niente-di-che e ho abbandonato dall’inizio libri noiosi, ho rotto un ombrello appena comprato, non ho imparato a cucire né a cucinare né a rifare il letto in modo decoroso ma ammetto che la cosa non mi preoccupa neanche un po’, non ho guardato molti film e invece di questo mi dispiace, ho sognato un sacco sia letteralmente che metaforicamente, ho spedito regali e cartoline, mi sono sentita fortunata, non mi sono innamorata e qui ci sta un uffa ma ho avuto la conferma di avere intorno – vicino e lontano – persone speciali, ho sentito il richiamo delle radici, ho comprato vestiti a fiori, ho cantato molto stonando in modo imbarazzante, ho detto dei no importanti, ho visto almeno tre arcobaleni ma neanche una stella cadente, ho bevuto mille caffè, ho iniziato a correre e poi ho smesso ma adesso voglio ricominciare, avrei voluto toccare i blu di Chagall quando mi ci sono trovata davanti e sporcarmi le mani e poi passarle sulla faccia, ho accarezzato molti cani, ho detto più parolacce del previsto, ho raccolto da terra castagne foglie due bottoni marroncini e uno bellissimo argentato con un’àncora sopra, ho riso fortissimo, ho viaggiato con una pianta di menta in borsa e un piede gonfio e addosso un vestito che proprio quel giorno aveva deciso di rompersi, mi sono commossa a teatro una sera d’estate ascoltando una storia che parlava anche di me, ho intrecciato nodi, ho scoperto incoerenze che mi hanno fatto arrabbiare ma anche conferme che mi hanno fatto sorridere, ho fotografato finestre-bellissime cartelli-stradali panni-stesi pomodori tazze-di-caffè libri nuvole maglie-a-righe, ho iniziato a rischiare, mi sono scelta.

IMG_20151227_141309

Annunci

2 thoughts on “Elenco sommario e caotico del mio 2015

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...