Elenco sommario di cose che ho trovato stamattina

Ovvero: cerco tracce di me per un laboratorio dalla mia libraia del cuore e trovo pezzi di mondo che pensavo non ci fossero più e invece stavano in un angolo piccolissimo della mia pancia. Adesso mi sono caduti negli occhi, un po’ pungono e un po’ no.

Il mare in bianco e nero, il parco dopo la lezione in università, lettere scritte su pagine strappate a vecchie agende, una scatola minuscola che mi è sempre sembrata preziosa ed era di plastica e pure vuota, cartoline di mille anni fa e cartoline che leggo il nome di chi me le ha scritte e non mi ricordo proprio chi è, mio papà che fuma la pipa, un viaggio regalato, un bacio in fronte a occhi chiusi che oggi dov’è finita quella vicinanza, un fotomontaggio bruttissimo che mi ha sempre fatto ridere un sacco, mia mamma che guarda lontano e non si accorge che mio papà la sta fotografando, l’ultimo collare del mio cane e ci infilo il naso sperando di trovare un odore che mi manca da morire, Siena a fine agosto, una festa a sorpresa che poi era un pic nic e i palloncini e i regali, una foto piccolissima di un bacio d’estate dimenticato l’estate dopo, un foglio che doveva essere di una ricetta e invece ci sono due libri consigliati dal mio medico che alla fine quando vado si parla sempre di storie, Barcellona e Parigi e Firenze, quaderni che lasciano scivolare fuori titoli di libri e frasi da non perdere e pensieri un po’ tristi, cene di natale e cene senza nessun motivo, mia nonna con un vestito azzurro che ride e sembra felice, attese, facce che oggi chissà dove sono finite e facce che sono ancora qui nonostante il tempo nonostante la vita, un muro rosso che non mi ricordo dov’era, una biglia di vetro, io piccola d’estate con un libro aperto in testa e poi d’inverno con un cappotto rosso, un mimo bellissimo che si trucca, un fiore giallo.

IMAG0413

forbici&virgolette

IMG-20160222-WA0001

In ogni caso ricordati che non è solo la saggezza dei soffitti a essere infinita, lo sono anche le sorprese della vita.
José Saramago | Tutti i nomi ]


Eccoci qui, io e @lazappi. Io cerco le virgolette, lei si inventa forbici bellissime. Cercatela su Instagram. Dai su, che vi innamorate.

 

Ricordati di scegliere

Vi avevo anticipato (lo so, un po’ di tempo fa) che ci sarebbe stato un regalo per voi. Finalmente, eccoci. Sì, eccoCI, al plurale perché come sempre quando c’è un regalo di mezzo non sono da sola ma la cosa nasce con un nodo, e anche stavolta il nodo bello è con Enrica Trevisan, perché Enrica ha quella mano lì che per certe storie è perfetta.

Questa non è una storia. Però può essere l’inizio di una storia. La mia, la vostra. E’ un augurio, forse anche una richiesta. E’ una frase che mi ripeto spesso, perché penso che ricordarmela sia importante: ricordati di scegliere.

Scegli cosa vuoi mangiare – no, non è vero che va bene tutto. Scegli dove vuoi passare la serata – no, non è uguale. Scegli chi vuoi essere – no, non è già tutto deciso, non è già scritto, la nostra storia è solo nostra, per favore non dimentichiamocelo.

Ricordati di scegliere.

ricordatidiscegliere

C’è anche la versione in pdf, qui.

Questo è il mio/nostro regalo per voi. Salvatelo, stampatelo, io questa cartolina la regalo a me stessa e mi impegnerò a ricordarmelo più spesso di scegliere, ogni volta che mi capiterà di trovarmi a un bivio. Perché (con rarissime eccezioni) è sempre questione di scelta e quando non possiamo scegliere cosa, possiamo almeno scegliere come reagire a quella cosa. Ecco.

Vi abbraccio, e buone scelte.

ps: se ancora non conoscete Enrica, la mano bellissima di questa cartolina, correte qui!

pps: se credessi alle coincidenze penserei che l’arrivo venerdì del libro “The crossroads of should and must”, di Elle Luna, consigliato da Gioia Gottini, insomma direi che Amazon ha creato una coincidenza bellissima perché è un libro sulle scelte, sullo scegliere. Ma no, le coincidenze non esistono. [Sto leggendo, scelgo. OLE’.]

#ricordatidiscegliere